RB Antiki'ta  Home  |  Chi Siamo  |  Top Lot  |  Le Antiche Chiavi  |  Mostre  |  Contatto  |  La Vetrina Su AnticoAntico

Cardini e cerniere

 

I cardini sono elementi metallici (ferramenta) indispensabili per sostenere e permettere la rotazione della porta. Sono composti da due elementi incernierati fra di loro: l'arpione, fissato alla struttura muraria o all'elemento di supporto, e l'asola, nella quale l'arpione si infila, fissata alla porta.

Cardine.

1) struttura muraria o elemento di supporto
2) perno fisso o arpione
3) occhiello o asola
4) bandella o lama
5) porta o sportello

Le cerniere sono elementi metallici (ferramenta) necessari per permettere la rotazione ai coperchi delle casse. Sono composte da due elementi (lame) di cui uno fissato sullo schienale della cassa o sulla parte fissa del mobile e l'altro sul coperchio, incernierati fra di loro alle estremità.

.Cerniera

1) perno di snodo
2) bandella o lama fissa
3) bandella o lama mobile

Anche nella costruzione di questi elementi metallici si è avuta la riprova che l'arte fabbrile antica non si limitava alla forgiatura dell'oggetto secondo la sola sua funzionalità, cosicchè alle asole, elementi di uso esclusivamente funzionale, furono aggiunte le bandelle che, in molti casi, si svilupparono a tal punto, da costituire un abbellimento ornamentale di grande effetto, oltre che essere di rinforzo e di sostegno. Le elementari ramificazioni ai lati ed alle estremità delle primitive e rozze bandelle romaniche si svilupparono sempre più fino al XVII secolo, per poi ritirarsi, piano piano, a partire dal XVIII secolo.

Cerniere da cassapanca. Italia settentrionale, secolo XVI. Le estremità delle bandelle mobili sono divaricate. Lunghezza della bandella fissa 30 centimetri.

Dalla metà del XII secolo si allargarono a spirali estendendosi su tutta la superficie della porta fino addirittura a staccarsi dalle asole per trasformarsi in elementi decorativi a sè stanti.

Bandelle di cardine. Alto Adige, fine XVIII secolo. Ferro forgiato, sbalzato e intagliato. Bandelle con questo particolare disegno vennero usate in Alto Adige già a partire dal Rinascimento. Dimensioni 22x13 centimetri.

Fu proprio questo straordinario sviluppo artistico delle bandelle che, unito all'idea di rinforzare l'opera del carpentiere in armonia con le serrature, mise in disparte i rinomati portali di bronzo e i portelli massicci di ferro forgiato dei secoli antecedenti al 1000.

Serratura da cassone, di influenza tedesca, con applicazione in ferro scolpito di forma zoomorfa. Alto Adige, secolo XVI. Il simbolo del drago, a difesa della chiusura e a protezione del contenuto, era un motivo ricorrente nelle serrature gotico-rinascimentali di area austro-tedesca. Molla di contrasto a voluta semplice e leva di bloccaggio del chiavistello decorata con appendice di forma vegetale (ghianda). Il chiavistello, agendo su due leve eccentriche, muove le due ganasce di bloccaggio trattenute in posizione da una molla a "V" verticale. Dimensioni 6x29 centimetri.

Forziere. Germania, secolo XV. Alta fascia perimetrale di sostegno e finta toppa anteriore con applicazioni a forma di "V". Lamiera forgiata e intagliata; evidenti tracce di policromia. Congegno di bloccaggio a chiavistelli multipli. Dimensioni: lunghezza 21.5, altezza 16, profondità 11 centimetri.

[Indice] [Home page] [Pagina succ.]


Se lo desiderate, potete acquistare il libro "Le antiche chiavi", al prezzo di Euro 80,00 + spese di trasporto, cliccando qui

  Powered By PerfectHost.it